Tap, in 19 a giudizio per reati ambientali: ci sono anche vertici della società

Tap, in 19 a giudizio per reati ambientali: ci sono anche vertici della società

l processo comincia a maggio, 15 parti offese tra cui Regione

Comincerà l’8 Maggio prossimo dinanzi al Tribunale di Lecce il processo a 18 persone, tra cui i vertici di Tap (Trans Adriatic Pipeline), e alla stessa società, per i presunti reati ambientali compiuti nella costruzione del tratto terminale del gasdotto nel territorio di Melendugno che dalla frontiera greco-turca attraverserà Grecia e Albania per approdare sulla costa di San Foca di Melendugno, nel Salento. Il procuratore di Lecce, Leonardo Leone De Castris e il sostituto Valeria Farina Valaori hanno notificato un decreto di citazione diretta a giudizio per 18 persone e per la stessa società Tap.

Sono 15 le parti offese, tra le quali la Regione Puglia nella persona del presidente Michele Emiliano, otto Comuni rappresentati dai rispettivi sindaci, tra cui quello di Melendugno, Marco Potì, e il Ministero dell’Ambiente; poi Alfredo Fasiello, presidente del Comitato No Tap Salento e le associazioni Vas Onlus, Codacons e Italia Nostra.

Tra gli imputati figurano gli attuali vertici della società Tap, Luca Schieppati ed Elisabetta De Michelis, l’ex country manager di Tap Michele Mario Elia, il project manager della società e responsabile in materia ambientale, Gabriele Paolo Lanza; i dirigenti della società Saipem, appaltatrice dei lavori di costruzione del microtunnel e del tratto di condotta offshore Albania-Italia, e i titolari delle aziende appaltatrici e subappaltatrici dei lavori.
L’inchiesta riguarda una serie di reati ambientali, tra i quali l’aver realizzato il tratto finale del gasdotto su aree sottoposte a vincolo paesaggistico senza autorizzazioni e lo sversamento di acque reflue industriali che avrebbero contaminato con sostanze pericolose la falda acquifera. Il processo si aprirà l’8 Maggio davanti alla seconda sezione penale del Tribunale di Lecce in composizione monocratica.

Lascia un Commento