Il controllo per la tutela dell’ambiente è una delle priorità delle attività preventive e di contrasto poste in essere dai Carabinieri del Comando Provinciale di Lecce, tenuto conto delle gravi conseguenze che gli illeciti ambientali possono provocare sull’ecosistema e sulla salute umana. In particolare, gli interventi dei militari in questo ambito si concentrano sulla prevenzione e sul contrasto di attività illegittime che compromettono l’equilibrio naturale, come l’abbandono di rifiuti, lo sversamento di rifiuti tossici, l’inquinamento delle acque e dell’aria, la distruzione di aree naturali protette, il bracconaggio e altre forme di crimini ambientali. Proprio in tale contesto, nel corso del tardo pomeriggio di ieri, in una porzione di territorio insistente alla periferia del Comune di Nociglia (Le), i Carabinieri della locale Stazione hanno individuato una discarica non autorizzata contenente anche rifiuti pericolosi, tutti sparsi all’interno di un terreno recintato di proprietà privata. Immediato è scattato il deferimento dell’uomo, proprietario dell’area, alla Procura della Repubblica di Lecce. Il materiale, che in questo momento è oggetto di ulteriori accertamenti dalla componente specialistica dell’Arma nonché dai tecnici dell’Arpa Puglia per definirne la pericolosità e la provenienza, era ammassato su una superficie di circa 600 mq, recintata con un muro in tufo alto 2,5 metri e chiusa da cancello metallico, cui i militari hanno apposto i sigilli dopo averne formalizzato il sequestro. In questo contesto, i Carabinieri svolgono un ruolo fondamentale nel garantire la protezione dell’ambiente e nella lotta contro i crimini ambientali, contribuendo così a preservare la bellezza e la biodiversità del territorio salentino e a garantire un futuro migliore per le generazioni future.