Litiga con il padre e si taglia un polso: 12enne allontanata dalla famiglia

Litiga con il padre e si taglia un polso: 12enne allontanata dalla famiglia

La segnalazione di una professoressa. L’uomo indagato per maltrattamenti

Il cellulare sempre fra le mani di una 12enne, i rimproveri dei genitori e lo smartphone ‘sequestrato’ dal padre. Poi ci sarebbe stato uno schiaffo da parte di quest’ultimo e una ferita superficiale che la ragazzina si è procurata sul polso ed è stata scoperta dalla sua professoressa e, quindi, la segnalazione al tribunale per i minorenni di Lecce.

Risultato: il padre indagato per maltrattamenti e la figlia allontanata da casa su disposizione dei magistrati. È quanto accaduto la scorsa settimana a Lecce, dove una ragazzina di 12 anni, figlia di un commerciante che gestisce un negozio di alimentari nel centro della città, è stata affidata alle suore di un istituto a pochi chilometri dal capoluogo salentino.

A riportarlo sono le pagine del Nuovo Quotidiano di Puglia. Resta da chiarire la ragione dell’allontanamento della minore. Il provvedimento è stato eseguito dagli agenti della questura di Lecce, ma – come riferisce il legale di fiducia della famiglia – “senza che fosse notificato ai genitori, che si sono visti prelevare la figlia da casa”.