Gasolio non raffinato fa finire in panne centinaia di automobilisti: scatta l’inchiesta

Gasolio non raffinato fa finire in panne centinaia di automobilisti: scatta l’inchiesta

Nel mirino della Guardia di Finanza le forniture della raffineria di Taranto

La Guardia di Finanza indaga sulle partite di gasolio sporco utilizzate da alcuni distributori dei territori di Lecce, Brindisi e Taranto, che hanno fatto finire in panne decine di automobilisti. I controlli e prelievi sono stati avviati nelle stazioni di servizio, segnalate dagli utenti danneggiati, e i campioni inviati al ministero dell’Economia di Bari, affinché chiarisca innanzitutto come è stato alterato il carburante.

Sarà questo il primo passo per capire se il gasolio taroccato sia tutto dello stesso tipo, e quindi il problema sia connesso a una fornitura sporca da parte di qualche raffineria, oppure se le responsabilità siano da attribuire ai singoli distributori, che potrebbero aver “allungato” il prodotto per aumentare i guadagni in un periodo caratterizzato da forte flusso di automobilisti, qual è stato quello natalizio.